Guarire il nostro sé interiore

Guarire il nostro sé interiore

Cile, 23 agosto 2015.

Queste parole hanno l’intento di aiutarci a rimuovere i nostri dolori che ci tengono legati al mondo dell’illusione e che principalmente consistono in una questione di frustrazione. Le frustrazioni che portiamo dentro di noi, sono sempre per desideri che non furono pienamente soddisfatti e così camminiamo per questo mondo, da una circostanza ad un’altra, sempre cercando di ottenere cambiamenti, sempre cercando di cambiare dove si vive, gli hobby, il lavoro, la moglie, il marito. Compiendo sempre aggiustamenti e modifiche in questa vita, sul presupposto di poter trovare qualcosa in grado di soddisfarci pienamente interiormente. Possiamo continuare con questo medesimo processo da una frustrazione ad un’altra, possiamo proseguire o possiamo sanare il problema che è sullo sfondo di queste, ne è un assunto.

In fin dei conti tutti cerchiamo la felicità perché siamo esseri spirituali, sat-cid ananda, siamo eterni, abbiamo la potenzialità per conoscere, “cid”, capacità cognitiva e mentale di assimilare ciò che stiamo percependo e soprattutto abbiamo la capacità di sentire felicità, gioia, qualcosa di grandioso, apprezzamento, compassione. Abbiamo alcune facoltà molto interessanti, in quanto esseri umani, per non dire spettacolari, e queste sono la nostra guida interiore; quella che ci dice: “senti, cerca qualcosa di interiore, basta col temporale, con i cambiamenti e col muoverti nell’ignoranza ascoltando solo bugie che mi dicono che è conoscenza; desidero conoscere qualcosa così com’è, la verità, la voglio conoscere, voglio raggiungere una situazione in cui la mia gioia non sia sempre minacciata, sempre in pericolo; ho qualcosa di buono, ma in qualche modo lo perdo”.

Vediamo che in questo mondo, in realtà, vi è un insegnamento continuo,  è quello di perdere; stiamo sempre perdendo, infatti, vinciamo ancora e ancora perdiamo, vinciamo e perdiamo ancora e ancora, e non lo vogliamo riconoscere. Si tratta di qualcosa di collettivo, individuale, ma anche  di qualcosa a livello nazionale, una cosa dopo l’altra; un grande presidente diventa dittatore, non vuole più le elezioni, ora pensa di tenere il coltello per il manico e dice che ora è il più amato, perché l’opposizione è in carcere e la stampa è pienamente controllata, ma in questo modo non si può andare avanti per sempre. Una buona cosa che ha detto Abraham Lincoln è che uno può ingannare molte persone per un certo tempo, alcune persone tutto il tempo, ma non si può ingannare tutto il mondo per tutto il tempo, a un certo punto si cade.

Allo stesso modo noi riguardo alla felicità, quando la nostra felicità ha un legame con l’ignoranza, deve necessariamente cadere. Allora “Sat- Cid- Ananda- Vigraha” sono i tre impulsi, ma andiamo all’origine di tutti loro, il principio, che si chiama amore. Dove abbiamo la possibilità di guarire i nostri cuori è nella connessione con l’amore. Ciò che propongo può sembrarvi un poco esoterico, ma in realtà è più reale di ciò che generalmente considerate reale in questo mondo temporale, perché dire reale nel temporale è veramente temporale; per meglio dire, davanti alla domanda di permanenza (stabilità), non è reale. Ciò che intendo è che quello che pensiamo sia vero è come un sogno, nel sogno dimentico ciò che accade durante il giorno e di giorno  dimentico quello che è successo nel sogno, così in qualche modo sto sognando di giorno e sognando di notte e non capiamo molto bene qual’è davvero il sogno, ma in entrambi vi è sofferenza e divertimento.

Così l’amore interiore, mi si creda non è un amore sessuale, è un amore verso una donna, chi è questa bella donna?, donna meravigliosa. Con chi possiamo condividere l’amore inclusivo, uomini, donne, tutti, non importa se tu sei eterosessuale, omosessuale, bisessuale, non stiamo parlando di celibato, che sono le cose, le storie del mondo materiale; stiamo parlando di un amore verso una donna che ha una divinità indiscussa e che guarisce il nostro cuore, io voglio guarire la testa, tu vuoi guarire gli organi, lui vuole sanare i suoi conti, tu vuoi sanare le relazioni pubbliche, vuoi sanare il tuo status quo, si vuol guarire da tutti i lati, ma mai si desidera sanare la cosa internamente. Internamente siamo pieni di offese, offese? Che tipo di offese? Offese verso nostra madre, questa madre interiore che tutti noi abbiamo, che è la donna delle donne, la principessa delle principesse, la madre delle madri, l’amore degli amori. Essa è così grande che siamo tutti in debito con lei, all’infinito. Sto parlando di lei nelle sue differenti forme, non sto individuando una forma in particolare; prima di tutto desidero la vostra accettazione che avete questo debito con questa donna, perché se non lo accettate non guarirete; può essere tua madre che ti ha partorito, può essere lei; con essa abbiamo un debito indiscutibile, perché ci ha pulito il sedere, nessun altro vuole fare questo, no? Lei l’ha fatto con il sorriso, amando.

Ma questa donna, questa forza femminile ha versioni più profonde, la si può chiamare la Madre Terra, la possiamo chiamare la Grande Madre, che ci dà il cibo, ci dà l’aria, ci dà l’acqua, ci dà tutto e questo potrebbe ancora sembrare limitante per alcune persone, la Madre Divina nella sua forma di Madre Terra, a loro dico che questo è corretto, la Madre ha una sua forma che non si può vedere, questa la potremmo chiamare la madre cosmica; vi è una Madre causale, e la Madre Causale è ben oltre la Terra, la Terra è una piccola cosa per la Madre Causale di tutte le cose.

Certamente questa Madre non si trova lontano da noi, questa Madre possiede molte forme o rappresentazioni dentro di noi; una di esse è la nostra capacità di amare, in sanscrito si chiama Bhakti Devi; essa prende la forma del permetterti di amare, nel mondo materiale questo modo di amare si trasforma in qualcosa che comporta il desiderio di avere, ma nella forma spirituale non è desiderio di avere, nella forma spirituale, dove si sana il desiderio, è quando desideri dare e quando si trasforma in questo, c’è un bel modo di dire: quello che non dai è quello che stai per perdere; quindi stiamo parlando di quello che non si vuole perdere, qualcosa che tu desideri dare per avere o, per meglio dire, qualcosa che si riceve solo dandola, quando questo mondo è in azione, dobbiamo capire che ogni movimento, ogni sforzo che facciamo, ci portano sempre alla stessa cosa, stiamo rielaborando sempre lo stesso assunto e questo non solo in una vita, vita dopo vita, giriamo sempre intorno al medesimo tema, alla stessa nostra proposta di esistere indipendentemente e di essere al centro di tutto ciò che succede, per i bambini questo lo chiamiamo fare i capricci, quando i bambini non sono al centro, arriva il momento che ne hanno abbastanza e quindi fanno i capricci, i bambini sono i Guru del capriccio, ugualmente lo sono tutti gli adulti, ma noi li mascheriamo da rabbia e indignazione e cose così, ma in realtà è lo stesso, e non riconosciamo che ciò che ci fa soffrire è la nostra ignoranza e la nostra propria attitudine.

Questa Madre Divina, questa Madre Cosmica, ha moltissime altre forme, gli elementi sono solo una; essa è la Legge Originale, essa è il Seme della vita originale, essa è la verità dell’Amore causale, per tal motivo essa si chiama anche Saraswati, essa è quella che presiede alla musica, la poesia, la conoscenza, la comprensione e la realizzazione, tutto è nelle sue tasche, si vuole ottenere queste cose senza misericordia della Madre?! Come diceva Facundo Cabral, tu non sei depresso sei disattento verso la realtà che ti circonda, sveglia amico, sveglia, qui stiamo cercando di guarire il tuo spirito, la tua interiorità, il tuo errore, dove ti appigli, sei caduto al suolo e sei condannato al suolo, che male il suolo e sto così male, ed il suolo dice aiutati con me e rialzati e continua a camminare,  perché tu hai una meta molto importate da raggiungere.

Il tuo essere interiore merita attenzione,guariscilo dai tuoi errori, non dagli errori della politica o del mondo o dell’economia, no; guariscilo degli errori che tu stesso ti porti dentro. Io sono un ambientalista e mi batto per gli animali, ma il macello e il macellaio non sono colpevoli, il mondo è così com’è. Lui è in colpa per il suo errore, la sua ignoranza, egli ha il proprio ruolo, così come ciascuno ha le proprie cose che deve compiere, però il mio dovere di amare non dipende dalle illusioni, dall’ignoranza di qualcun altro. Il mio essere interiore è prezioso, è trascendentale perché sa che questa trascendenza la dobbiamo apprendere ogni giorno, si sa dove avviene questo? … Al funerale, perché al funerale hanno tutti la stessa storia … quale ? … è andato …. E andò dove ??? … questo ci piacerebbe sapere … . E’ andato in paradiso o è andato all’inferno? O magari si è trasformato in falco? Quale sarà la storia? Va a nascere come un essere umano o nascerà come giraffa? Sarebbe molto interessante sapere, perché tutti noi passammo già migliaia di volte per questo e continueremo a passarlo finché non avremo sanato la cosa interiore, fintanto che non passiamo per questo compito, si sa, la mente è qui, il cuore sta qui, sono come trenta o venti centimetri e tutta la vita non sono stati in grado di muoversi, sempre lì, io non so cosa fare! Io non so perché.

Ma non si è determinato che esiste qualcosa dentro di noi che ha a che fare con la nostra Madre, perché si è molto macho, molto ganzi, si vuol risolvere tutto con la violenza, con la parola, con l’intellettualità, con la scienza, con la superbia, per meglio dire. È il nostro orgoglio che ci mantiene ammalati, frustrati, perché oltre a noi, niente e nessun altro sul pianeta è interessato al nostro orgoglio, siamo i soli ammiratori del nostro orgoglio, non è strano? Né la moglie, immaginiamo i bambini, dicono, “di nuovo il vecchio”, “espero un ratito y ya me salgo de aquí”. Quindi questa cosa è un piccolo problema che abbiamo con la Madre, la Madre Divina, la Madre della Causa, la Madre dell’Amore, che sta sperando che tu dica che vuoi accettere la saggezza, la saggezza che detta il nostro cuore, perché tutti abbiamo cuore abbastanza grande e dentro sta la Verità. Immaginate, la verità non è l’India, non è in Africa, non è in Cina, la verità risiede nel vostro cuore e voi siete parte di essa, tu non sei un accidente cosmico, tu sei un miracolo cosmico, cosa ne pensi? Benvenuti miracoli, lasciate fuori gli accidenti, gli accidenti sono solo le immaginazioni che l’uomo si è posto per mascherare o nascondere la propria debilità.

Noi siamo qui, in questo mondo, per servire, non siamo qui per accumulare, non stiamo qui per guardare, non siamo qui per fare spettacolo, noi siamo qui per servire e dobbiamo porci la domanda, come faccio a servirti Madre Divina? Tu che sei la causa di tutto ciò che esiste, Tu sei quella che mi conosce, dammi Fede nella mia stessa esistenza trascendentale, perché quando al funerale si dice che se ne è andato, a volte sono stato io stesso, allora sono già presente qui, così ora vado a risolvere i miei problemi del momento qui, perché non posso sperare di andare ancora ancora una volta, vado a guarire il mio essere interiore ora, sempre il futuro, il futuro, il futuro, no, dimenticare il passato che dorme e non sognare sul futuro, agisci nel tempo che hai e il progresso verrà di sicuro.

Ora arriva la guarigione del cuore … Oh la più amata dal fascino infinito,  questo peccatore anela il tuo servizio, questo sono io, il peccatore, il deviante, il confuso, quello che ha combattuto, che ha mentito, che ha tradito. So che non tu no, ma io sì, perché io non voglio essere qui l’accusatore, io sono qui solo a confessarmi. Io desidero l’amore della più amata al fascino infinito, chi è il fascino infinito? Quello è Dio, Egli è l’ispiratore dietro l’ispirazione, se hai un’ispirazione è l’ispirazione della tua ispirazione, Egli è l’entusiasmo del tuo entusiasmo, la Creatività è la tua creatività, è l’intelligenza degli intelligenti, e della mente per capire tutto quello che hai da capire; bene, c’è un libro su questo, intitolato Bhagavad Gita, se volete saperne di più su chi è Lui. L’infinito incantatore è colui che ci incanta, siamo tutti felici e per questo motivo ci piace cantare, tutti stiamo sempre cantando, a volte parliamo, a volte cantiamo, ma stiamo sempre muovendo la lingua, ogni giorno, cantando le nostre canzoni o cantaletas, anche. Ci sono diversi canti ma questo è un altro argomento.

Possiamo scoprire che questa infinito incantatore, non solo incanta noi, ma incanta anche la Divina Madre che abbiamo nel cuore, questa Madre Divina è come un potenziamento del suo amore, lei è da Lui, è dentro di Lui, è uno con Lui, però Lei potenzia il suo Amore, perciò io prego, “Oh mio Signore! Lascia che io sia uno strumento del tuo amore. “Cosa è il tuo Amore? Uno strumento del tuo Amore.

L’amore di Dio è la Madre Divina che tutti noi portiamo dentro, che ci ispira, che ci guida e che ci guarisce, che ci guarisce quando cessiamo ogni opposizione all’infinito incantatore, perché qui in questo mondo c’è molta opposizione a Dio, chiamatelo come volete, io non sto qui propagandando un tipo di credo,  in ultima analisi chiaramente sì, il mio, ma non nella conferenza, sto parlando guarire il cuore di chiunque, che sia cattolico, buddista, stiamo parlando in modo del tutto generico. Il fatto è che noi teniamo molta opposizione qui sulla Terra, noi abbiamo intere città universitarie che sfidano.

Tutti dicono: Dio non esiste, sono pieni di evoluzione darwiniana, tutti dicono che Dio è un’astrazione, o per meglio dire, abbiamo idee migliori o spiegazioni, ma tutti vogliono sottomettere Dio alla propria mente e questo è un modo di allontanarsi dal potenziale di guarigione, la guarigione del nostro cuore comporta il riconoscere la nostra origine eterna, la nostra eternità, la nostra appartenenza alla bellezza infinita; siamo parte della bellezza, ma vogliamo essere la bellezza senza la parte completa e questa è la nostra colpa, siamo lontani da quello che ci dà il ragione dell’autostima;l’autostima sta con questo Amore, mia Madre mi dà la ragione di esistere, mi dà la ragione di amare, e per lei e in lei non posso offendere il mio fratello, un animale o un essere umano, se desidero compiacere mia madre che, allo stesso modo, è anche sua Madre. Miei cari, è qui che risiede la problematica, vogliamo essere amati da nostra Madre ma offendiamo gli altri suoi figli a cui ha dato la luce e così stanno le cose, però non funziona; per questo stiamo fantasticano quando vogliamo guarirci con terapie o con questo o con quello, con le pillole, immaginarsi! Pillole delle farmaceutiche, non può essere questo che ci farà guarire, guarisce le tasche del medico della farmacia, ma non il tuo cuore, né la società umana, pertanto la nostra vita è nelle mani della Madre Divina, è sempre stato e sempre sarà, se desideriamo guarirci dobbiamo accettare la Divina Madre nel cuore, che è colei che ammiri, che adori, perché lei non è impersonale, la tua mamma non è impersonale e la tua mamma sa bene quello che vuoi, se non credi a me chiediglielo. Mamma ti piace che io cammini ubriaco per la strada? … .No figlio mio. … . Ma ti piacerebbe che fossi del tutto … fuori ??? Con marijuana, cocaina? Figlio no …  Tua madre sa tutto e dice sempre come stanno le cose, non importa se si è cristiani o comunisti, o chiunque siate, la Madre Divina vi ha sempre detto ciò che è corretto, perché non è solo la benefattrice di un figlio, ma di tutti i figli; vi sembra ragionevole o sto fantasticando?

Quindi questa Madre Divina non è una fantasia, Lei esiste come Madre Terra, Lei esiste come Madre Cosmica, Essa esiste come conoscenza infinita, Essa esiste come Amore, Lei esiste come Fede, come la fede che muove le montagne, con La fede fa venire voglia di fare qualcosa, per fede dobbiamo guarire il nostro io interiore, per fede dobbiamo dirle grazie, per fede dobbiamo imparare a pregare, orare, meditare, ringraziare … per cosa ??? Per il suo amore, gradire l’amore di tua Madre, non lo capisci?, Non sai chi la ama? Se non ti importa, non hai nessun diritto di conoscere l’amore di tua madre, se vuole rivelarsi è un’altro discorso, in altre parole tua madre non ha sicuramente l’obbligo di dirgli chi è tuo padre, ciò dipende da lei, solo lei lo sa, c’è una sola persona sul pianeta che sa chi è tuo padre …. E’  tua madre … e se lei non vuole dirlo non lo dice e se tu la sfidi dicendole che è cattiva e che deve dire tutto, allora lei risponde che non ha alcun obbligo a dirlo e dice solamente che è tua madre e se non ti comporti bene, non può rivelare nulla, sai perché? Perché il figlio che si avvicina alla mamma con la testa non ha accesso al cuore della madre, perché è una relazione da cuore a cuore e la Madre Divina, si aspetta che tu giunga col cuore, questo si chiamata essere sinceri, occorre essere sinceri, bisogna pregare, bisogna dire: “mia Madre Divina chi adori tu lo adoro anch’io, a Lui Infinito lo adoro”, ma noi non lo adoriamo, lo sfidiamo dicendo che non esiste, la mamma non è innamorato, mamma non esiste neanche lei, provengo da un brodo primordiale, improvvisamente alcuni aminoacidi si  sono scontrati con altri, ciò si chiama innamorarsi e io sono il terzo; quale mamma! Quale papà! Parliamo di aminoacidi e chimica e fisica.

Adesso arriva la fisica quantistica e dice: siete tutti pazzi; dice: la fisica quantistica afferma che il visibile è niente, dovete andare all’invisibile, nell’invisibile accadono i fenomeni che non si possono percepire, allora io dico: buona grazia fisica quantistica, perché mi ha messo di nuovo al posto numero  uno, dove devo avere fiducia in mia madre, nel mio cuore, perché non lo posso vedere, non lo posso comprovare; la Divinità è così evidente che non possiamo leggerla, perché siamo tutti parte della Divinità, sebbene il corpo sia vecchio, stia per morire, ciononostante tu eri Divino prima della nascita e lo sarai dopo la morte, non siamo questo corpo, amico! Sei lo spirito, l’anima, che è residente nel tuo cuore, che ti porta, ti carica, ti abbraccia, si prende cura di te, ti nutre, che fa tutto e chi è? E’ il figlio di tua madre e non è solo quell’unica madre che  avevi al momento della nascita, è la madre causale e questa madre causale si chiama Radha.

Radha è uno dei suoi nomi in sanscrito, essa è la Divina Radha, l’innamorata che ci dà l’ingresso alla dimora del dorato, dove c’è davvero qualcosa di molto grandioso, dove la nostra posizione è al cento per cento assicurata, capite? Noi non dobbiamo assumere queste precauzioni, queste paure, che portiamo in questo mondo e le relative frustrazioni, la nostra esistenza per Lei è già gloriosa, per tua madre sei una gloria, o no? Vai a dire, “mamma hai creato un disastro, perché hai creato qualcosa di così terribile”, alla mamma non sta bene questo commento, anche se non piace, perché la mamma crea meraviglie, la Mamma è stata portatrice di miracoli, perché la Mamma è il miracolo più grande .
Vostro Swami B. A. Paramadvaiti.